5 castelli del Trentino da non perdere

by Elena_myscratchmap
Published: Last Updated on
Loggia Castello del Buonconsiglio

Dici Trentino e dici…castelli!

In questo post vi suggerisco 5 castelli del Trentino da non perdere: un’ottima alternativa in caso di pioggia quando si è in montagna, ma non solo.

Castel Beseno

Il colpo d’occhio che si ha dalla strada non mente: Castel Beseno è il più esteso complesso fortificato di tutto il Trentino.

Situato su di un colle tra Trento e Rovereto, Castel Beseno domina dall’alto tutta la Vallagarina: si trova infatti in una posizione strategica che ne garantiva al contempo inacessibilità e controllo del territorio dall’alto.

Anche la sua massiccia struttura rivela una funzione prevalente difensiva, con i tre bastioni un tempo destinati all’impiego delle armi da fuoco.

5 castelli del Trentino da non perdere
Il complesso fortificato di Castel Beseno

Oggi Castel Beseno è sede museale e ospita al suo interno – oltre a ricostruzioni di usi, costumi e armature che affascineranno sicuramente anche i più piccoli – l’esposizione permanente dedicata alla Battaglia di Calliano, combattuta nel 1487 tra le truppe della Serenissima e quelle della Contea del Tirolo proprio ai piedi del castello.

Da non perdere, inoltre, la possibilità di percorrere il camminamento di ronda per uno splendido panorama sulla valle dell’Adige.

Visitare Castel Beseno: orari e biglietti

• Apertura tutti i giorni tranne i lunedì non festivi, il 25 dicembre e il 1° gennaio con orario 10.00 – 18.00 (9.30 – 17.00 orario invernale)

• Biglietto intero 7€ (ridotto per over 65 e under 27)

Tutte le informazioni aggiornate sul sito ufficiale di Castel Beseno.

Castello del Buonconsiglio

Il monumento simbolo di Trento è in realtà composto da una serie di edifici di epoca diversa delimitati da una possente cinta muraria e gode di una posizione leggermente sopraelevata rispetto al capoluogo trentino.

Castelvecchio è il nucleo più antico, fortezza e residenza dei principi-vescovi di Trento, caratterizzato da un imponente mastio e elementi difensivi come le feritoie, la porta gotica ferrata e il ponte levatoio.

La presenza delle finestre a croce guelfa e della loggia veneziana rende l’architettura più elegante, sottolineando il passaggio della struttura a destinazione residenziale e non più solo difensiva.

5 castelli del Trentino da non perdere
La commistione di stili del Castello del Buonconsiglio

Nel corso del Cinquecento il castello venne ulteriormente ampliato con la costruzione del Magno Palazzo, raffinata residenza di stampo rinascimentale a celebrazione della potenza del principe-vescovo Bernardo Cles.

Risale invece alla fine del Seicento la Giunta Albertiana, ricca di stucchi e affreschi barocchi.

Lungo il camminamento di ronda si accede poi a due torri.
La prima che si incontra è la Torre del Falco, con affreschi dedicati al tema della caccia.

Ma soprattutto è possibile visitare la Torre Aquila con il celebre Ciclo dei mesi dedicato al mutare delle stagioni, tra i più affascinanti cicli pittorici del tardo Medioevo.

Ciò che colpisce di più è senza dubbio la ricchezza dei particolari, sia nella raffigurazione del paesaggio – con la neve che lascia spazio al verde rigoglioso della primavera e le messi estive che anticipano gli alberi spogli dell’autunno – sia nella descrizione rappresentazione delle vesti, ricche e multicolori per i nobili, semplici e dimesse per i contadini e gli artigiani dell’epoca.

5 castelli del Trentino da non perdere
Ricordatevi che per visitare la Torre Aquila è necessario acquistare un biglietto supplementare

Infine, prima di andare via, non può mancare una passeggiata nello splendido giardino all’italiana, da cui si accede anche ad una delle pagine più buie del castello.

Durante la Prima Guerra Mondiale, in quella che viene chiamata “Fossa dei Martiri“, vennero infatti giustiziati per alto tradimento dagli austriaci gli irridentisti trentini Cesare Battista, Fabio Filzi e Damiano Chiesa.

Visitare il Castello del Buonconsiglio: orari e biglietti

• Apertura tutti i giorni, tranne i lunedì non festivi e il 25 dicembre con orario 10.00 – 18.00 (9.30 – 17.00 orario invernale)

• Biglietto intero 10€ (ridotto per over 65 e under 27) + 2,5€ per accedere alla Torre Aquila (ingresso a orario fisso ogni 45 minuti)

Tutte le informazioni aggiornate sul sito ufficiale del Castello del Buonconsiglio.

Castel Thun

Il gioiello d’arte della Val di Non.

Castel Thun è situato in cima ad una collinetta nella piccola frazione di Vigo di Ton: ai suoi piedi una distesa di meleti.

5 castelli del Trentino da non perdere

Dimora per oltre otto secoli dell’antica e potente famiglia dei Thun, oggi è un raro esempio di residenza nobiliare arredata con mobilio originale.

Come ogni castello che si rispetti, anche qui non mancano fossato, ponte levatoio, torri (ben 5!), bastioni e camminamento di ronda. Al centro del sistema fortificato si trova il Palazzo Baronale, la parte più antica del castello.

Da non perdere a Castel Thun:

  • il Piano Terra con la Sala delle Guardie, la Sala con il forno, il Cortile Interno con il pozzo e la Cappella affrescata dedicata a San Giorgio
  • il Primo Piano con le cucine
  • il Secondo Piano con le Sale di rappresentanza
  • il Terzo Piano con le Stanze private, su tutte la Stanza del Vescovo con il soffitto a cassettoni e il rivestimento di legno di cirmolo e la Stanza delle mappe antiche.

Dopo aver visitato l’interno, non dimenticate di esplorare il Cortile dei tornei che avvolge il Palazzo Baronale e gli splendidi giardini.

Visitare Castel Thun: orari e biglietti

• Apertura tutti i giorni, tranne i lunedì non festivi, il 25 dicembre e il 1 gennaio con orario 10.00 – 18.00 (9.30 – 17.00 orario invernale)

• Biglietto intero 8€ (ridotto per over 65 e under 27)

Tutte le informazioni aggiornate sul sito ufficiale di Castel Thun.

Castel Toblino

Forse il castello più fotografato del Trentino.

Castel Toblino deve infatti la sua fama alla scenografica posizione in cui si trova, una stretta lingua di terra che si allunga nell’omonimo lago.

5 castelli del Trentino da non perdere
Un romantico scorcio di Castel Toblino che si specchia nelle acque del Lago

Il castello venne costruito nell’XI secolo con funzione strategico-militare, ma già dal III secolo gli abitanti del luogo avevano attribuito alla piccola penisola in mezzo al lago un ruolo sacro, costruendovi un tempio dedicato al culto dei Fati.

L’impianto che osserviamo oggi risale invece al XVI secolo con i lavori di ammodernamento portati avanti dai vescovi di Trento.

La leggenda di Castel Toblino

Poteva un castello come questo non avere una sua leggenda? Ovviamente no!

Si narra infatti che Castel Toblino sia stato teatro della storia d’amore proibita tra l’influente vescovo di Trento Madruzzo e una giovane del luogo, conclusasi poi tragicamente.

Al posto dei fantasmi, al suo interno troviamo un bar e un ristorante, ragion per cui non è possibile visitarlo.

Vale comunque la pena percorrere la passerella di legno che costeggia il lago dal lato del castello.

5 castelli del Trentino da non perdere
La passerella che fiancheggia il Lago di Toblino

Visitare Castel Toblino: orari e biglietti

Come vi dicevo, l’unico modo per visitare Castel Toblino dall’interno è pranzare o cenare nel Ristorante del castello.
Il Ristorante Castel Toblino propone sia un menu alla carta che diversi menu degustazione (da 40€ a 60€).

Castello San Michele o di Ossana

Nell’incantevole scenario della Val di Sole, più precisamente nel borgo di Ossana, sorge Castello San Michele.

Posto su uno sperone roccioso a guardia della strada di collegamento tra Trentino e Alto Bresciano, il Castello di Ossana è stato solo recentemente riaperto al pubblico dopo oltre vent’anni di restauri.

5 castelli del Trentino da non perdere
Castello San Michele svetta nel borgo di Ossana

Dominato dall’imponente mastio alto 25 metri, da cui si gode una meravigliosa vista dalla Val di Sole alla Val di Peio, il Castello risale molto probabilmente all’epoca longobarda anche se le prime notizie certe si riferiscono al 1191.

Completamente spoglio al suo interno, durante l’inverno ospita la rassegna dei presepi di Ossana e tutto l’anno è possibile ammirare il commovente presepe dedicato alla Grande Guerra e all’episodio di “pace separata” avvenuto nella notte di Natale.

Noi lo abbiamo visitato dopo la bella escursione al Rifugio Larcher al Cevedale, nella vicina Val di Peio.

Visitare Castello di San Michele a Ossana: orari e biglietti

• Apertura tutti i giorni da metà giugno a fine settembre con orario 10.30 – 12.00 / 14.30 – 18.00 (solo il weekend da aprile a giugno)

• Biglietto intero 4€ con visita guidata inclusa

Tutte le informazioni aggiornate sul sito ufficiale della Val di Sole.

Biglietti cumulativi e card per visitare i castelli del Trentino

Se durante la vostra vacanza in Trentino avete intenzione di visitare tutti questi 5 castelli (e magari anche qualcun altro!), tenete presente che ci sono dei biglietti cumulativi /card che consentono di risparmiare:

  • Biglietto cumulativo 5 sedi
    Al costo di 20€ permette l’ingresso a Castello del Buonconsiglio, Castel Beseno, Castello di Stenico, Castel Thun, Castel Caldes.
  • Museum Pass
    Con questo pass avete accesso a musei, castelli e luoghi di interesse tra Trento, Rovereto e dintorni. Il Museum Pass costa 22€ ed è valido per 48 ore (estendibile a tre mesi senza costi aggiuntivi). 
  • Trentino Guest Card
    La cosa bella di questa card è che è praticamente gratis, in quanto vi verrà automaticamente rilasciata se pernottate in una struttura ricettiva del Trentino! Con la Trentino Guest Card avete ingressi gratuiti nei musei e nei castelli trentini, oltre che sconti per gli impianti di risalita e l’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici incluso.

Sei alla ricerca di qualche altra idea? Dai un’occhiata qui:

Leave a Comment

Potrebbe interessarti anche