Home Viaggi e dintorni 10 libri da regalare a Natale a chi ama viaggiare (ma non solo)

10 libri da regalare a Natale a chi ama viaggiare (ma non solo)

by Elena_myscratchmap
Libri di viaggio da regalare a Natale

Last Updated on 17 Gennaio 2021 by Elena_myscratchmap

Il regalo più bello da ricevere sotto l’albero di Natale?
Io non ho dubbi: se non è un viaggio, di sicuro è un libro!

Del resto chi ama i viaggi quasi certamente ama anche i libri e in questo terribile 2020 sono proprio loro, i libri, ad alleviare la mancanza del viaggio in senso fisico.

Ecco allora 10 libri da regalare a Natale a chi ama viaggiare o anche a chi, semplicemente, ama leggere e sognare nuove avventure!

10 libri di viaggio da regalare a Natale

Avventura nell’artico – Arthur Conan Doyle

Nel 1880 un giovanissimo Arthur Conan Doyle decide di abbandonare gli studi di medicina e di imbarcarsi come medico di bordo su una baleniera, in un viaggio di sei mesi che lo porterà dalla Scozia fino al Circolo Polare Artico, tra Groenlandia e Isole Svalbard.

Come medico, Doyle è tenuto a redigere un bollettino puntuale, ma la sua naturale predisposizione alla scrittura lo spinge a scrivere invece un vero e proprio diario di viaggio: così, oltre ai dati relativi alla navigazione e (purtroppo) alla caccia di foche e balene, Doyle ci regala le suggestioni di un viaggio epico tra esplorazioni, tempeste e disavventure quasi comiche in quelle regioni remote che ancora oggi esercitano un fascino innegabile su ognuno di noi.
E quando le parole non bastano, Doyle aggiunge minuziose illustrazioni che rendono ancora più vivido il senso di avventura.

Un libro che prelude già al successo letterario di Doyle, un’avventura che sarà fonte di ispirazione per i suoi racconti e romanzi, tanto che per il Dottor Watson pare che Doyle si sia ispirato proprio ad un membro dell’equipaggio di una baleniera come la Hope.

Libro Avventura nell'Artico di Conan Doyle

Tiziano Terzani. Guardare i fiori da un cavallo in corsa – Alen Loreti

«Ho fatto solo una cosa nella vita, viaggiare e anche questo che descrivo è solo un viaggio. I cinesi hanno un modo di dire: guardare i fiori da un cavallo in corsa. Così riassumerei questa esperienza.
Mi piace cogliere la fortuna, il caso che ti porta fuori dal tuo solito punto di osservazione e ti trascina proprio lì e in quel momento…allora ti tocca fare il testimone
».

Guardare i fiori da un cavallo in corsa è un libro da regalare a chi magari ha già letto tutti gli altri libri di Tiziano Terzani, ma anche a chi invece si vuole avvicinare alla sua straordinaria figura.

In questo bellissimo volume fotografico si ripercorre tutta la sua vita, dall’infanzia fiorentina fino agli ultimi mesi trascorsi nella sua casa di Orsigna, passando ovviamente per i suoi innumerevoli viaggi e reportage giornalistici.

«Sono fiorentino, Firenze pretendeva di aver già capito tutto, questo mi stava stretto e sono scappato»: forse è stata questa la spinta che ha portato Terzani in giro per il mondo, soprattutto verso quell’Oriente che tanto amava.

Libri, appunti, lettere, ma anche oggetti e fotografie: tutto contribuisce a definire il ritratto intimo di un grande uomo oltre che di un grande giornalista, con la sua irrequieta curiosità, affamato di esperienze, sempre alla ricerca della comprensione dell’altro da sé.

Libro Guardare i fiori da un cavallo in corsa, Tiziano Terzani

Il giro del mondo in 80 giorni – Michael Palin

Chi poteva lanciarsi nell’impresa di ripercorrere il viaggio di Phileas Fogg se non lui, Michael Palin?

É il 1989 quando la BBC propone all’ex Monty Python la sfida: fare il giro del mondo in 80 giorni senza aeroplani, proprio come il protagonista del romanzo di Jules Verne.

Ovviamente Michael Palin non se lo fa ripetere due volte e, pur non avendo mai girato un documentario prima di allora, parte da Londra a bordo dell’Orient Express senza avere con sé cellulari e GPS – ancora poco diffusi – ma con l’ingombro di chilometri di pellicola per le riprese.

Il risultato è un successo ed oltre ad una mini-serie di documentari per la BBC, Palin ne tira fuori anche questo libro, divertentissimo come da suo stile: un viaggio tra luoghi mitici che solo a pronunciarne il nome vengono le farfalle nello stomaco.

Piccolo spoiler: Michael Palin riuscirà a completare il suo viaggio intorno al mondo in 79 giorni e 7 ore.

Libro Il Giro del mondo in 8o giorni di Michael Palin

Il Tao del viaggio. Quando la saggezza viene dalla strada – Paul Theroux

Il fatto che la maggior parte dei libri di Paul Theroux siano introvabili in italiano è per me un grande mistero (su tutti il suo Dark Safari – Dal Cairo a Città del Capo via terra: se vi capita di trovarlo di seconda mano non lasciatevelo scappare!).

Per fortuna però, Dalai Editore propone ancora qualcosa di suo e io vi suggerisco Il Tao del viaggio.

In questo libro Theroux, per celebrare i suoi cinquant’anni passati sulle strade di tutto il mondo, condivide una sorta di zibaldone personale a tema viaggio: citazioni e annotazioni tratte dai libri su cui lo stesso Theroux si è formato, sia come lettore che come viaggiatore.

Troviamo così Vladimir Nabokov, Samuel Johnson, Evelyn Waugh, Charles Dickens, Mark Twain, Bruce Chatwin, Ernest Hemingway, Graham Greene per citare alcuni compagni di viaggio che Theroux sceglie di portare con sé in questo libro.

Il fil rouge è ovviamente il viaggio, nel mondo ma anche dentro noi stessi per trovare la nostra strada.

La leggenda dei monti naviganti – Paolo Rumiz

Un viaggio di ottomila chilometri lungo Alpi e Appennini, dal Golfo del Quarnaro a Fiume fino a Capo Sud, il punto più meridionale della nostra Penisola.

Un itinerario che parte dal mare e arriva sul mare, attraversando prima in bicicletta le Alpi dall’Istria a Nizza e poi gli Appennini dalla Liguria all’Aspromonte su una vecchia Topolino decappottabile.

Paolo Rumiz non ha certo bisogno di presentazioni e in questo libro dà il meglio di sé: paesaggi e incontri magici, grazie alla sua straordinaria capacità di entrare in empatia con le persone che incrocia lungo il suo percorso.

Personaggi noti (Walter Bonatti, Mario Rigoni Stern, Francesco Guccini, Vinicio Capossela…) e meno noti, ma tutti con una storia da raccontare: quella di un’Italia diversa e forse dimenticata.

Libro La leggenda dei monti naviganti di Rumiz

Patagonia Express – Luis Sepúlveda

Un omaggio a Sepúlveda in questo Natale 2020 è d’obbligo.

Patagonia Express prende le mosse dall’incontro tra lo scrittore cileno e Bruce Chatwin in un bar di Barcellona: tra una bevuta e l’altra Sepúlveda accetta di accompagnare lo scrittore inglese in Patagonia, sulle orme dei due fuorilegge americani Butch Cassidy e Sundance Kid.
Ma Sepúlveda quel viaggio lo farà da solo, per Chatwin sarà infatti troppo tardi.

Lo ritroviamo così, dopo la fine del suo esilio, nel porto di Chonchi sull’Isola di Chiloè in Cile, pronto ad iniziare il viaggio con la sua Moleskine.

Dodici tappe per dodici racconti, dodici storie che rafforzano il mito della Patagonia, territorio immenso alla fine del mondo, duro e meraviglioso allo stesso tempo.

Tokyo tutto l’anno – Laura Imai Messina

«Tokyo sembra sempre in costruzione. Da bruco a farfalla, da farfalla a rondine, da rondine a sasso, da sasso a palazzo, da palazzo a bosco, da bosco a….
È in uno stato di infanzia perenne, come una bambina che a guardarla non pare diversa, ma poi confrontandola con le fotografie – l’album aperto una domenica sulle ginocchia – emerge strabiliante nella differenza».

Un libro delicato e poetico, scritto da chi a Tokyo ci vive ormai da parecchi anni.

Laura Imai Messina prende il lettore per mano per guidarlo alla scoperta di una Tokyo che è mille città in una: una città che è un condensato di storie, tradizioni e simboli; una città dove usanze secolari convivono accanto ai quartieri degli appassionati di manga e videogame, dove i ritmi frenetici della modernità si alternano a quelli cadenzati e regolari delle stagioni e delle festività.
Non a caso Tokyo tutto l’anno è suddiviso in dodici capitoli e mese dopo mese Laura Imai Messina ci fa conoscere una Tokyo che muta con il cambiare delle stagioni.  

Un libro da regalare a chi in Giappone c’è già stato e a chi il Giappone lo sogna da sempre.

Libro Tokyo tutto l'anno di Laura Imai Messina

Viaggio in Italia – Guido Piovene

Un “inventario delle cose italiane” fatto da Guido Piovene su incarico della Rai.

Il viaggio di Piovene comincia nel maggio 1953 e finisce nell’ottobre 1956: tre anni per percorrere tutto lo Stivale, da Nord a Sud, dalle Tre Venezie alla Sicilia.
Un’impresa mai compiuta prima e da cui scaturì anche un libro senza precedenti, dettagliato e scrupolosissimo, una fotografia fedele dell’Italia degli anni ’50, tra ricostruzione e boom economico.

E’ il resoconto di un’Italia che potrebbe apparire lontana, ma che invece si rivela ancora attualissimo, grazie alla capacità di Piovene di far emergere i tratti di un’italianità che resiste al trascorrere del tempo.

L’Italia è varia, non complessa. Cambia da un chilometro all’altro, non solo nei paesaggi, ma nella qualità degli animi; è un miscuglio di gusti, di usanze, di abitudini, tradizioni, lingue, eredità razziali. Sono però diversità vissute come fatti della natura, che fomentano umori litigiosi ed incomprensioni, ma non conducono al distacco”.

La miglior guida mai scritta sull’Italia.

Libro Viaggio in Italia di Guido Piovene

Una città o l’altra. Viaggi in Europa – Bill Bryson

Bill Bryson. Un nome, una garanzia.

Molti di voi lo conosceranno per America Perduta, In un paese bruciato dal sole o Notizie da un’isoletta: già vi vedo sorridere!
Lo stile, ci siamo capiti, è il suo: irriverente, dissacrante, tra lo stupito e il divertito per i suoi pregiudizi da americano che però non nasconde mai.

In Una città o l’altra Bryson ci porta con sé nel suo girovagare per tutta Europa, da Hammerfest – la cittadina più a nord del continente europeo – fino ad Istanbul.

Nel mezzo contrattempi e disavventure, un numero imprecisato di birre e divagazioni temporali, il tutto condito da giudizi sferzanti sugli europei: “i tedeschi non capiscono l’umorismo, gli svizzeri non hanno idea di cosa significhi il divertimento, gli spagnoli trovano che non ci sia nulla di ridicolo nel cenare a mezzanotte e gli italiani non avrebbero mai dovuto beneficiare dell’invenzione delle automobili”.

Un libro da regalare a chi fa dell’autoironia la sua dote migliore e che non ha paura di scoppiare a ridere da solo mentre legge.

Una guida Polaris a vostra scelta

Delle guide Polaris ve ne avevo già parlato nel post sulle guide di viaggio.

Per me le Polaris in realtà sono più di semplici guide: sono dei veri e propri libri di viaggio, dove le informazioni pratiche ed organizzative sono volutamente scarne per lasciare spazio agli aspetti geografici, storici e culturali, così come alla descrizione degli itinerari, ma soprattutto alle suggestioni del viaggio.

Da qualche settimana nel catalogo Polaris trovate anche Destinazione Italia. 300 idee per un viaggio lungo lo stivale.
Questa guida, pensata inizialmente in formato digitale, è nata dal desiderio di noi Travel Blogger per l’Italia di fare qualcosa di concreto per il nostro Paese nella lotta contro il Covid-19 e grazie a Polaris Editore è arrivata anche in libreria, continuando a sostenere Emergency con i proventi legati al diritto d’autore.

Un’ottima idea come regalo di Natale e per poter andare alla scoperta dell’Italia non appena sarà possibile tornare a viaggiare in sicurezza!

Guide Polaris
0 comment

You may also like

Leave a Comment

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione Continuando a navigare accetti il loro utilizzo, ma se non sei d'accordo puoi disabilitarli. Accetta Leggi di più