Non amo festeggiare l’ultimo dell’anno.
Non mi vesto di rosso.
Odio i trenini pè-pè-pè-rè-pè-pè.
Non sopporto stare in piazza al freddo e al gelo ad aspettare il countdown.
Non credo nei buoni propositi creati per l’occasione.

Il mio ultimo dell’anno ideale sarebbe in compagnia di un buon libro, rannicchiata sotto le coperte. O in viaggio da qualche parte, si capisce.

Credo non basti lo scoccare della mezzanotte dell’anno nuovo per farci diventare delle persone migliori. Se si vuole cambiare in meglio bisogna volerlo davvero. E ogni giorno può essere l’alba di un nuovo anno.

Il 2015 per me è stato un anno particolare.
Ha significato maggiore consapevolezza di quello che sono e di quello che voglio diventare.
Ha visto il concretizzarsi di progetti di vita a due.
E’ stato anche l’anno di un sogno realizzato, il viaggio in Giappone.
Ho imparato a pensare più a me stessa e a non preoccuparmi per le cose che non posso controllare.

Saluto questo 2015 con il sorriso, aspettando a braccia aperte l’anno che verrà.

Gennaio – Barcellona
Febbraio – Soave e Verona
Marzo – Lago di Garda
Aprile – Asolo e Treviso
Maggio – Torino 
Giugno – Londra
Luglio – Roma
Agosto – Giappone
Settembre – Castell’Arquato e Vigoleno
Ottobre – Dublino
Novembre – Varenna
Dicembre – Bruxelles e Fiandre

Buon anno e buoni viaggi a tutti voi!

 

 
 



You may also like

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy