Un-orrore-di-un-orrenda-orrendezza.

Con tutte queste r sembra uno scioglilingua: ma di chi stiamo parlando?

Destinatario di questa apparentemente poco lusinghiera descrizione, firmata Sigismondo Boldoni – poeta bellanese del seicento, è l’Orrido di Bellano.

Ma la gola – l’Orrido appunto – scavata dal torrente Pioverna è in realtà una meraviglia naturale tutt’altro che orrenda.
L’Orrido è situato nel centro di Bellano, vicino alla Chiesa dei Santi Nazaro e Celso, e l’ingresso si trova lungo la scalinata laterale.






All’entrata si viene accolti da una vecchia stamberga conosciuta con il sinistro nome de La Cà del diavol.
Una passerella conduce dritta dritta nella profondità della gola dove la forza tumultuosa dell’acqua ha modellato con il passare dei secoli la dura roccia, dando origine ad anfratti dalle forme sinuose.
I suggestivi giochi di luci e ombre accompagnati dal cupo rimbombo dell’acqua che scorre impetuosa fanno il resto.

 
 

 

Orrido di Bellano: informazioni pratiche

Il biglietto d’ingresso all’Orrido costa 3€.
L’Orrido è aperto tutti i giorni da aprile a settembre, mentre negli altri mesi osserva un orario ridotto. 
Nei mesi di luglio e agosto è prevista anche l’apertura serale dalle 20.45 alle 22.00.
Per il dettaglio vi rimando al sito del Comune di Bellano.

Potrebbe interessarti anche:

You may also like

2 comments

Andrea Pizzato 30 Ottobre 2015 - 9:29 pm

non conoscevo questo posto. davvero bello! se passo in zona me lo ricorderò 🙂 grazie e buon weekend!

Reply
Elena Myscratchmap 30 Ottobre 2015 - 9:36 pm

Si, è un posto davvero affascinante!
Grazie di essere passato sul blog, buon weekend a te!

Reply

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy