""

Visitare Auschwitz e Wieliczka nella stessa giornata da Cracovia

20.2.17

Inutile ripetere - o forse no, è proprio il caso di sottolinearlo - che visitare Auschwitz è un obbligo morale a cui non ci si può e non ci si deve sottrarre.

Bisogna andarci. Punto e basta.
Bisogna andarci per vedere con i proprio occhi quelle baracche, per camminare tra quei reticoli di filo spinato, per sentire il vento gelido che ti entra nelle ossa nonostante il cappotto e immaginare come doveva essere (soprav)vivere lì, vesititi di soli stracci.

Bisogna andarci anche per sentire lo stomaco che si contorce guardando tutti quei capelli ammontonati nella teca, quegli oggetti personali rubati, quelle fotografie con quei visi pallidi e spaventati che negli occhi hanno una sola domanda: perchè?

Ad Auschwitz credo di aver scattato cinque fotografie. Cinque di numero.
E ogni volta che premevo il pulsante dello scatto mi risuonavano nella testa le parole della nostra guida: Abbiate rispetto di quello che è un campo di morte, dove milioni di persone sono state assassinate.

Tenetelo bene a mente quando varcherete la triste e sinistra insegna Arbeit macht frei.


Come già sapete i nostri giorni a Cracovia erano limitati, ma Auschwitz era una tappa per noi irrinunciabile.

Oltre Auschwitz volevamo vedere anche la Miniera di Sale di Wieliczka per cui abbiamo deciso di affidarci ad un tour organizzato.

Ovviamente avendo più giorni è possibile organizzarsi in autonomia, anche risparmiando parecchio, ma se dovete ottimizzare i tempi i tour sono l'unica alternativa.

Noi dopo aver confrontato tantissime offerte abbiamo scelto Prime Tours Krakow, anche per la possibilità di pagare alla fine del tour, ma davvero c'è l'imbarazzo della scelta.

Il costo per il Combined Auschwitz-Birkenau + Salt Mine Tour varia a seconda del numero di partecipanti: noi in tre abbiamo pagato 240PLN (al cambio attuale circa 57€).
Il prezzo comprendeva pick up direttamente all'hotel, trasferimenti con un piccolo minivan, visita guidata in inglese ad Auschwitz-Birkenau e alla Miniera di Sale, drop off all'hotel o dovunque si voglia a Cracovia.

Per noi il pick up è stato alle 8 di mattina: sul minivan eravamo solamente noi tre più un'altra coppia di ragazzi inglesi.

Abbiamo raggiunto il campo di concentramento di Auschwitz dopo circa un'oretta e mezza: lì ci siamo uniti ad un gruppo più grande per la visita guidata di circa due ore  e dopo una breve pausa ci siamo nuovamente spostati con il minivan per concludere la visita guidata nel campo di sterminio di Birkenau
Anche se decidete di arrivare qui in autonomia vi consiglio di partecipare comunque ad una visita guidata. Le guide infatti sono preparatissime, spesso hanno delle storie familiari legate ai campi di concentramento e vi faranno notare degli aspetti che altrimenti sfuggirebbero durante una visita per conto proprio.







Nel primo pomeriggio abbiamo ripreso il minivan, direzione Wielickza, dove siamo arrrivati intorno alle 15.
E qui abbiamo avuto la tipica sorpresina da tour guidato: il nostro autista aveva infatti  prenotato per noi un tavolo ad un ristorante...

Non che avessimo una gran fame dopo Auschwitz, ma dato che avevamo più di un'ora di tempo prima della visita guidata ne abbiamo approfittato: in ogni caso avremmo preferito almeno essere avvisati!

La visita alla Miniera di Sale, obbligatoriamente guidata, dura circa tre ore e consente di esplorare solo una piccolissima parte dei 300 km di gallerie e cunicoli.
La Miniera raggiunge una profondità di 327 metri e lungo il percorso vi sono circa 800 scalini da fare. Tranquilli però: sono per la maggior parte in discesa in quanto la risalita in superifice avviene in ascensore.
Il pezzo forte di tutta la visita è sicuramente la Cappella di Santa Kinga con i suoi bellissimi bassorilievi scolpiti interamente nel sale.

E alla fine prima di risalire una piccola curiosità: la Miniera di Wielickza fa parte dei primi dodici siti ad essere stati dichiarati Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.







Informazioni pratiche

La cittadina di Oświęcim - nome polacco di Auschwitz - può essere raggiunta facilmente da Cracovia in treno o in bus in circa due ore.
L'entrata al memoriale di  Auschwitz-Birkenau è gratuita, mentre il costo della visita guidata è di  45 PLN (circa 10€): trovate tutti i dettagli sugli orari delle visite guidate in diverse lingue qui.

Letture consigliate  
Non si è mai preparati abbastanza per un posto del genere: si può leggere, informarsi, documentarsi ma quando si è lì il pugno allo stomaco arriva diretto.

Vi lascio due libri che mi hanno molto colpito, anche se ovviamente con due stili e finalità diverse:

  • Auschwitz : La città, il lager - Sybille Steinbacher: questo libro permette di avere una panoramica sull'evoluzione del campo di Auschwitz, nato inizialmente come complesso di baracche per lavoratori stagionali di inizio XX secolo fino ad arrivare ad essere il terribile impianto con forni crematori e docce letali allo Zyklon B.
  • Il bambino di Schindler -  Leon Leysonè la testimonianza rimasta per lungo tempo inedita di  Leon, all'epoca bambino, che riesce a soppravvivere insieme a parte della sua famiglia grazie all'aiuto del famoso e controverso imprenditore Oskar Schindler. 

La Miniera di sale di Wieliczka invece può essere raggiunta da Cracovia con il treno suburbano oppure con il bus linea 304.

Il costo della visita guidata in lingua straniera va da 84PLN della bassa stagione a 89PLN in alta stagione (circa 20€): tutti i dettagli li trovate qui.



Ricordatevi che se volete fotografare la Cappella di Santa Kinga dovete pagare altri 10PLN.


.




You Might Also Like

2 comments

  1. Mi segno il nome dell'agenzia che ha organizzato il tour perché anche a me piacerebbe andarci prima delle fine dell'anno. Se riuscirò a organizzarmi non sarà per più di tre giorni per cui organizzare lo spostamento in autonomia sarebbe un po' complicato.
    Sono stata a Mauthausen anni fa ed è una di quelle esperienze che come dici tu vanno fatte: per capire di cosa può essere capace l'uomo, e per evitare gli stessi errori in futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quelli che io chiamo "pellegrinaggi laici": un'esperienza forte ma che va assolutamente fatta.

      Elimina

June Travel Quote

Mais les vrais voyageurs sont ceux-là seuls qui partent
Pour partir; coeurs légers, semblables aux ballons,
De leur fatalité jamais ils ne s'écartent,
Et, sans savoir pourquoi, disent toujours: Allons!
Charles Baudelaire

COMMUNITY

COMMUNITY