""

Porticine colorate a Dublino: dove trovarle

11.11.16

"Sembra che non hai mai visto una porta".

Questa è la frase che M. continuava a ripetermi mentre io, imperterrita, non la smettevo di scattare foto.

Ma le porticine di Dublino sono così colorate, così carine, che è impossibile non fotografarle!


Sembrebbe che l'idea della prima porticina colorata si debba al burrascoso rapporto di vicinato tra due eccentrici scrittori.

George Moore e Oliver St John Gogarty abitavano in due palazzi attigui affacciati su Ely Place: a quel tempo le case in stile georgiano venivano costruite seguendo alla lettera delle severissime linee guida ed erano praticamente tutte identiche. Porte comprese.

Pare che Moore abbia dipinto la sua porta di un verde acceso perchè era stufo che Gogarty, quando rientrava a casa a notte fonda  dopo aver alzato il gomito, continuasse a bussare alla porta scambiandola per la sua. E se a Gogarty hanno dedicato un famoso pub di Temple Bar la cosa doveva avvenire anche abbastanza di frequente.

A sua volta Gogarty - non si sa se per ripicca o se perchè invece abbia apprezzato particolamente l'idea - decise di dipingere la sua porta di rosso.

Comunque sia andata, le porticine colorate sono diventate una delle caratteristiche distintive di Dublino.






Si trovano sparse un pò ovunque ma in questa mappa vi ho segnato alcune zone dove le potete trovare più facilmente:



Chissà se prima o poi anche George Moore e Oliver St John Gogarty avranno una loro statua, magari proprio davanti a una bella porticina colorata!




You Might Also Like

2 comments

  1. Mi vergogno un po' ad ammetterlo, ma quando sono stata a Dublino l'ultima volta non sapevo bene dove cercarle… e infatti non le ho trovate ;) Ora mi salvo la tua mappa così la prossima volta vado a colpo sicuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, mi fa piacere che la mia mappa ti possa essere utile!
      Sono o non sono irresistibili queste porticine? ;)

      Elimina

September Travel Quote

Travel is never a matter of money but of courage.
T.S. Eliot

COMMUNITY

COMMUNITY