""

Himeji e Matsumoto: i castelli più belli del Giappone

14.7.16

Torno a parlarvi di castelli, ma questa volta si tratta di castelli a cui noi non siamo abituati.

Scordatevi imponenti masti di pietra, camminamenti di ronda, dame e cavalieri. Al loro posto mettete un alto torrione dall'elegante tetto a coda di rondine, travi di legno perfettamente incastrate, shogun e samurai.

Vi presento Himeji e Matsumoto: i castelli più belli del Giappone.


La particolarità dei castelli giapponesi  è quella di essere stati costruiti in legno, con una tecnica ad incastro e quindi senza l'utilizzo di chiodi. Un gigantesco e pazzesco tetris.

Purtroppo il massiccio utilizzo del legno come materiale da costruzione non li ha risparmiati da incendi e terremoti, a cui si sono poi aggiunti i bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale.

E infatti molti castelli, come ad esempio quelli di Osaka e di Nagoya, sono delle ricostruzioni. mentre  i castelli originali che rimangono sono ben pochi.

Il Castello di Himeji

Iniziamo dal castello di Himeji, il castello giapponese per antonomasia. Dichiarato Patrimonio UNESCO a partire dal 1993, è conosciuto anche con il nome di "Airone bianco" per via del suo aspetto che ricorda proprio un airone pronto a spiccare il volo.


Nonostante la sua imponenza, i muri candidi - in netto contrasto con gli eleganti tetti scuri - regalano un quadro d'insieme di grande leggerezza, tanto che diventa difficile immaginarlo teatro di scontri.
Per onore della cronaca bisogna dire il castelllo di Himeji non subì mai nessun attacco e le sue elaborate strutture difensive, come ad esempio il complicato intreccio di stradine che conduce al torrione centrale tra una serie di vicoli ciechi creati con l'intento di disorientare il nemico, non vennero messe alla prova.

Varcata la porta d'accesso ci si inerpica lungo il percorso a spirale che, in un crescendo di aspettativa, conduce al Tenshukaku, il cuore del castello.

Gli ambienti interni, benchè privi di ornamenti, regalano un'atmosfera di grande suggestione: lo scricchiolio del legno sotto i piedi, i paraventi in carta di riso,  la luce che filtra soffusa dalle feritoie laterali. Sembra di essere in un film ed infatti il castello di Himeji vanta numerose comparse cinematografiche (su tutte Agente 007 - Si vive solo due volte e L'ultimo samurai).






Il Castello di Matsumoto

Il castello di Matsumoto è soprannominato, al contrario, "Castello del Corvo" per via delle sue mura nerissime.

Visivamente è forse ancora più d'impatto del castello di Himeji, merito anche del fossato che lo circonda e dello scenografico ponte rosso che si staglia sullo sfondo.


Il castello nasconde una piccola curiosità: dall'esterno la torre sembra composta da cinque piani, ma una volta dentro vi accorgerete che in realtà i piani sono sei.
Il terzo livello infatti è stato progettato senza finestre come piano segreto per nascondersi dal nemico in caso di assedio: fateci caso una volta dentro!

E al calar della sera lo spettacolo è ancora più magico.






E voi avete visitato altri castelli in Giappone?


Informazioni pratiche
La cittadina di Himeji può essere raggiunta tranquillamente in giornata sia da Kyoto che da Osaka, ma noi abbiamo preferito fermarci durante lo spostamento verso Hiroshima (se avete i bagagli non preoccupatevi perchè in stazione ci sono tantissimi coin-lockers dove lasciarli).
Per raggiungere il castello dalla stazione basta seguire le indicazioni: imboccata la strada principale ve lo ritroverete davanti dopo una ventina di minuti di camminata.

Il castello è aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.00 (17.00 in inverno) e il biglietto d'ingresso è di 1.000¥. Per la visita calcolate circa 2 orette ma cercate di arrivare presto la mattina in modo da evitare le lunghe code che possono formarsi all'ingresso.


Matsumoto si raggiunge invece direttamene da Tokyo facendo un cambio a Nagano ed è ben collegata anche con Takayama attraverso la rete Nohi Bus.

Dalla stazione di Matsumoto si arriva al castello in circa quindici minuti a piedi. E' aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 17.00 e il biglietto d'ingresso è di 610¥.
Calcolate anche qui due orette abbondanti per visitarlo e se avete tempo vi consiglio di esplorare anche la cittadina, soprattutto non perdetevi la caratteristica Nawate Dori piena di bancarelle e negozietti tipici.





You Might Also Like

0 comments

November Travel Quote

A journey is like marriage. The certain way to be wrong is to think you can control it.
John Steinbeck

COMMUNITY

COMMUNITY