""

E alla fine arriva Gent

16.1.16

Ci sono alcune città che sono precedute dalla loro fama.
Ancora prima di metterci piede sai esattamente cosa aspettarti.

Poi ci sono le sorprese. I colpi di fulmine che non ti aspetti. Gioielli nascosti. 

Come Gent.


La distesa di biciclette di fronte alla stazione di Gent-Sint-Pieters

Siamo arrivati a Gent in una giornata praticamente perfetta: cielo azzurro tersissimo e sole caldo, non sembrava nemmeno dicembre.

Abbiamo iniziato la nostra esplorazione del capoluogo delle Fiandre Orientali da uno dei suoi simboli, il Belfort.

Come a Bruges anche qui la torre campanaria, con i suoi 95 metri d'altezza, domina il centro cittadino. E la vista da quassù è impagabile.






Di fianco al Belfort la Cattedrale di San Bavone, famosa per custodire al suo interno il Polittico dell'Agnello Mistico di Van Eyck, e la Chiesa di San Nicola, con il caratteristico abside a crociera.

I tre campanili allineati sono una delle cartoline più famose di Gent.

Il colpo di fulmine con Gent diventa capitolazione definitiva una volta raggiunto il Sint-Michielsbrug.

Da qui lo sguardo abbraccia tutte e due le sponde del Leie, Graslei e Korenlei. Difficile decidere quale sia la più bella tra la Riva delle Erbe e la Riva del Grano: sembra di trovarsi davanti ad un quadro, con le casette fiamminghe tutte allineate che si specchiano nelle acque del fiume.












La ciliegina sulla torta è però senza dubbio l'imponente Gravensteen, il castello dei Conti di Fiandra.

Un pezzo di Medioevo perfettamente conservato che si erge fiero e possente nel bel mezzo del centro cittadino. Assolutamente da non perdere.











Ma Gent ha in serbo anche un'altra sorpresa. Vicinissimo allo Stadhuis, il Municipio, è infatti possibile immergersi completamente tra i colori di Werregarenstraat.

Entrare in questa stradina significa fare un viaggio nel mondo della street art. Se siete amanti del genere non lasciatevela sfuggire!








Insomma lo avete capito, Gent è meravigliosa. Passate parola ma fatelo piano. 
Così la sorpresa sarà ancora più bella.








Informazioni pratiche 
Anche Gent è facilmente raggiungibile da Bruxelles in treno, in circa quaranta minuti. Vi ricordo sempre che il weekend - e durante le festività natalizie - ci sono delle tariffe speciali che rendono ancora più conveniente muoversi in treno, tanto più che i collegamenti sono frequentissimi ed efficentissimi.

Per arrivare in centro dalla stazione di Gent-Sint-Pieters bisogna prendere il tram n. 1 (3€ a biglietto) e scendere alla fermata Korenmarkt. Poi da li ci si muove tranquillamente a piedi.

Il biglietto per la salita sul Belfort costa 8€ ,mentre per visitare il Gravensteen il costo del biglietto è di 10€.
Maggiori info su prezzi e orari di apertura le trovate rispettivamente qui e qui.






 

You Might Also Like

0 comments

November Travel Quote

A journey is like marriage. The certain way to be wrong is to think you can control it.
John Steinbeck

COMMUNITY

COMMUNITY