""

Lucerna ovvero di luci e profumo di cannella

15.12.15

Ci siamo. Il countdown natalizio è ufficialmente iniziato.

Ed è arrivato il momento di parlarvi di una città che ha il destino già nel nome e che in questo periodo più che mai si veste letteralmente di luce.

Sto parlando dell'incantevole Lucerna.




Nella bella stagione base di partenza per la navigazione del Lago dei Quattro Cantoni, nonchè per le escursioni sul Monte Pilatus e sul Monte Rigi; d'inverno palcoscenico ideale per assaporare l'atmosfera del Natale.



Una visita di Lucerna non può che iniziare dal famoso Kappelbrücke, il Ponte della Cappella, prima di addentrarsi lungo le strette stradine che si inerpicano nella città vecchia.


Il Kappelbrücke è stato il ponte coperto in legno più antico d'Europa fino a quando nel 1993 un incendio lo ha distrutto completamente
L'ottagonale Wasserturm - la Torre dell'acqua - è il simbolo di Lucerna
Una targa ricorda il punto esatto dove scoppiò l'incendio

Ma Lucerna è città d'acqua e si finisce sempre per ritornare lì, sul fiume Reuss, dove si trova un altro ponte di legno coperto, lo Spreuerbrücke o Ponte del Mulino.

E anche dopo aver ammirato Lucerna dall'alto della cinta di Musegg si ridiscende ancora una volta verso l'acqua, non senza prima avere omaggiato il commovente Löwendenkmal, il Monumento del Leone.


Riflessi sul Reuss



La Chiesa dei Gesuiti, barocco puro


La cinta muraria con la torre di Musegg
Lucerna dall'alto
Il Löwendenkmal a ricordo delle Guardie Svizzere massacrate durante la Rivoluzione Francese nell'assalto al Palazzo delle Tuileries
"Il pezzo di pietra più triste e commovente del mondo" - Mark Twain
Battelli leggendari
La stazione di Lucerna firmata Santiago Calatrava come sospesa sull'acqua

Ma è al calar del sole che Lucerna si rivela in tutta la sua bellezza.

Si accendono le luci. 
Nell'aria profumo di cannella. 
Che la magia abbia inizio.

















You Might Also Like

0 comments

November Travel Quote

A journey is like marriage. The certain way to be wrong is to think you can control it.
John Steinbeck

COMMUNITY

COMMUNITY